I gatti possono vedere qualcosa che noi non possiamo vedere. Ce lo dice la scienza

http://themindunleashed.org/wp-content/uploads/2014/04/catss.png

Da sempre i gatti sono considerati animali mistici e misteriosi grazie al loro corpo elegante e super atletico e al loro sguardo in grado di catturare l’attenzione di chiunque.
Oggi ci sono degli studi che dimostrano che i gatti sono ancora più misteriosi e intriganti: riescono infatti a vedere cose che i ai nostri occhi sono invisibili come striature psichedeliche sui fiori e colori stupendi sulle  ali degli uccelli.

Il segreto dietro la super visione dei nostri amici a quattro zampe è la luce UV . Secondo un recente studio i gatti , così come i cani e altri animali , possono percepire questo tipo di luce completamente invisibile all’occhio umano.

“Ci sono un sacco di cose che riflettono i raggi  UV che alcuni animali  sono in grado di vedere mentre noi no”, ha detto Ronald Douglas , professore di biologia della City University di Londra,  autore dello studio . “Per esempio  i gatti possono vedere alcuni pattern sui  fiori che mostrano dove è  il nettare e le tracce di urina di un animale . Inoltre , le renne vedono gli orsi polari immersi nella neve perchè quest’ultima riflette i raggi UV, al contrario della neve.
Quindi gatti gatti , cani e renne sono in grado di individuare un animale con la pelliccia bianca laddove un essere umano vedrebbe solo una distesa di neve bianca.

Da parecchi anni ormai la scienza ha confermato che molti invertebrati (ad esempio le api) sono in grado di vedere la luce ultravioletta mentre si pensava che i mammiferi non ne fossero in grado perchè non hanno un pigmento visivo sensibile ai raggi UV bensì simile a quello umano che impedisce alla luce ultravioletta di penetrare nella retina. 

Il professore spiegato che i pigmenti visivi  assorbono la luce e la trasformano in attività elettrica  che a sua volta  viene trasmessa  alle cellule nervose . Il suo studio però ha dimostrato che non sono sempre necessari per vedere la luce ultravioletta, in alcuni casi la cornea e il cristallino sono in grado di assolvere il compito dei pigmenti.

Questi risultati potrebbero spiegare come mai i gatti mostrano tanto interesse per oggetti comuni come un foglio di carta: le sostanze chimiche aggiunte alla carta, ai tessuti, ai detersivi per bucato , agli shampoo ecc rendono gli oggetti più brillanti e una volta che hanno assorbito la luce ultravioletta risultano molto interessanti agli occhi dei gatti bili ai raggi UV .

E noi che pensavamo che fossero solo un po’ pazzerelli! Quante volte è capitato di fermarsi a osservare un gatto che faceva cose strane come osservare una parete bianca per 5 minuti di seguito?! Ora sappiamo il perchè.

Condividi questo articolo con i tuoi amici per ricordare a tutti quanto è straordinaria la natura!

 

Vuoi più articoli come questo?
Siamo in missione per condividere articoli che ispirino amore per gli animali e per la Natura. Unisciti a noi e vedi da te!